Main menu

Il piano di volo è il documento compilato dal pilota e presentato agli enti ATS, con lo scopo di rendere noto agli stessi le informazioni riguardo ad un volo che si vuole effettuare.

Per questo motivo il piano di volo deve contenere tutte le informazioni pertinenti al volo che avete pianificato:

  • Identificazione dell'aeromobile
  • Regole del volo e tipo di volo
  • Numero e tipo dell'aeromobile e categoria della turbolenza di scia
  • Equipaggiamenti di bordo
  • Aeroporto di partenza
  • Ora stimata di partenza (dal parcheggio)
  • Velocità di crociera
  • Quota di crociera (Livello di volo o altitudine)
  • Rotta
  • Aeroporto di destinazione e tempo totale di volo stimato
  • Aeroporto(i) alternato(i)
  • Carburante a bordo (espresso come tempo)
  • Numero totale delle persone a bordo
  • Equipaggiamenti di emergenza e sopravvivenza
  • Altre informazioni utili

Prima di intraprendere un volo su IVAO, è obbligatorio compilare e mandare un piano di volo.

 

Vediamo ora nel dettaglio come compilare i vari campi:

 

Campo 7 - Identificazione dell'aeromobile (CALLSIGN)

Inserire uno dei seguenti:

  • Il numero di registrazione dell'aeromobile come viene utilizzato in frequenza. ( Esempio: IALBJ - IABRK)
  • Il codice ICAO della compagnia aerea seguito dal numero di volo. ( Esempio: AZA1416 - RYR42PM)
  • Il callsign determinato dall'autorità militare competente.  ( Esempio: PANTE01 - I9001)

 

 Campo 8 - Regole del volo

 

Scegliere dal menù a tendina una delle seguenti opzioni:

  • La lettera I se si tratta di un volo IFR ( la totalità del volo seguirà le regole del volo strumentale)
  • La lettera V se si tratta di un volo VFR ( la totalità del volo seguirà regole del volo a vista, se possibile)
  • La lettera Y se si tratta di un volo IFR che ad un certo punto della rotta diventa VFR *
  • La lettera Z se si tratta di un volo VFR che ad un certo punto della rotta diventa IFR *

Nota (*): in questi casi nel campo 15 del piano di volo (rotta) viene riportato il punto o i punti in cui è stato pianificato il cambio.

Se nel campo 8 viene inserita Y, allora nel campo 15 bisogna inserire il punto in cui il volo diventa VFR. Per esempio per un volo da LIRA a LIMW il piano di volo sarà:

PEMAR UM726 VERUN UZ910 FRZ UM872 OMETO/N300F180 L615 TERSI VFR

Questo significa che il volo sarà condotto in IFR fino a TERSI da dove passeremo in VFR

 Se nel campo 8 viene inserita Z, allora nel campo 15 bisogna inserire il punto in cui il volo diventa IFR. Per esempio per un volo da LIMW a LIRA il piano di volo sarà:

VEROB/N360F270 IFR UM135 TOP UL50 ELB UL146 ELKAP

Questo significa che il volo sarà condotto in VFR fino a VEROB da dove passeremo in IFR con una velocità di 360 nodi a livello di volo 270

Nota: la Y e la Z indicano il primo cambio alle regole del volo. Quindi un IFR-VFR-IFR verrà indicato come Y

 

Tipo di volo

Selezionare delle seguenti lettere per indicare il tipo di volo:

  • La lettera S se si tratta di un volo commerciale schedulato (da time-table di compagnia)
  • La lettera N se si tratta di un volo commerciale non schedulato (per esempio volo charter)
  • La lettera G se si tratta di un volo di aviazione generale
  • La lettera M se si tratta di un volo militare
  • La lettera X se si tratta di un altro tipo di volo non compreso nei 4 precedenti (Volo di riposizionamento, addestrativo, etc.)

 

 Campo 9 - Numero e tipo di aeromobile

Numero: Inserire il numero di aeromobili SOLO se superiori ad 1 ( in caso di volo in formazione )

Tipo di aeromobile:

Inserire il codice ICAO dell'aeromobile utilizzato, ad esempio B738 per il Boeing 737-800, A319 per l' Airbus 319, C172 per il Cessna 172.

Se non conoscete il codice ICAO dell'aeromobile che state utilizzando, cliccando sul pulsane con i 3 puntini a destra della casella vi comparirà una finestra con la lista degli aeromobili presenti nel database, ordinabile secondo il codice ICAO, secondo il costruttore o secondo il modello.

 

Turbolenza di scia

 

Inserire la categoria della turbolenza di scia del vostro aeromobile, fondamentale per il servizio di controllo del traffico al fine di garantire la corretta separazione tra gli aeromobili.

  • La lettera L per "Light" che indica aeromobili con un peso massimo al decollo (MTOW) fino a 7.000 Kg (15.500 lbs)
  • La lettera M per "Medium" che indica aeromobili con un peso massimo al decollo (MTOW) superiore ai 7.000 Kg (15.500 lbs) fino a 136.000 Kg (300.000 lbs)
  • La lettera H per "Heavy" che indica aeromobili con un peso massimo al decollo (MTOW) superiore a 136.000 Kg (300.000 lbs)
  • La lettera J per "Super", tutti gli aeromobili A388 (Airbus A380-800)"

Nota: come riportato sopra la categoria della turbolenza di scia è determinata in base al peso massimo al decollo dell'aeromobile (MTOW). Il suo peso effettivo, che cambia continuamente durante le varie fasi del volo non modifica la categoria della turbolenza di scia.

 

Campo 10 - Equipaggiamenti

Nella prima parte di questa casella vanno inserite le lettere corrispondenti agli equipaggiamenti di comunicazione, di navigazione e di ausilio per l'avvicinamento presenti a bordo e funzionanti.

  • La lettera N se non è presente alcun apparato o gli apparati presenti sono inutilizzabili
  • La lettera S per gli apparati COM/NAV standard (VHF RTF, VOR e ILS)
  • La lettera D per il DME (Distance Measuring Equipment)

Sigle che possono essere inserite in questo campo:

  • A GBAS Ldg System
  • B LPV (APV with SBAS)
  • C LORAN C (Long Range Air Navigation system “B”)
  • E1 FMC WPR ACARS
  • E2 D-FIS ACARS
  • E3 PDC ACARS
  • F ADF
  • G GNSS (Global Navigation Satellite System)    Nota: type of external GNSS augmentation to be specified in NAV/
  • H HF RTF (High Frequency Radiotelephone)
  • I INS (Inertial navigation)
  • J1 CPDLC ATN VDL Mode 2
  • J2 CPDLC FANS 1/A HFDL
  • J3 CPDLC FANS 1/A VDL Mode A
  • J4 CPDLC FANS 1/A VDL Mode 2
  • J5 CPDLC FANS 1/A SATCOM (INMARSAT)
  • J6 CPDLC FANS 1/A SATCOM (MTSAT)
  • J7 CPDLC FANS 1/A SATCOM (Iridium)
  • K MLS (Microwave Landing System)
  • L ILS (Già incluso in S)
  • M1 ATC RTF SATCOM (INMARSAT)
  • M2 ATC RTF (MTSAT)
  • M3 ATC RTF (Iridium)
  • O VOR (Già incluso in S)
  • P P1-P9 (Riservati a RCP - To be developed)
  • R PBN approvato    Nota: il tipo di PBN deve essere obbligatoriamente specificato in PBN/ nel campo 18. Ref Doc 9613 
  • T TACAN (UHF Tactical Air Navigation Aid)
  • U UHF RTF (Ultra-High Frequency Radiotelephone)
  • V VHF RTF (Very-High Frequency Radiotelephone) (Già incluso in S)
  • W RVSM (Reduced Vertical Separation Minimum) approvato.
  • X MNPS (Minimum Navigation Performance Specifications) approvato
  • Y VHF con capacità di spaziatura tra i canali di 8.33 kHz
  • Z Altri equipaggiamenti a bordo    Nota: equipaggiamenti o capacità che non sono specificati nel campo 10, devono essere specificati nel campo 18 preceduti da COM/, NAV/ e DAT/.  

Anche qui, cliccando sul pulsante con i 3 puntini a destra della casella vi comparirà una finestra con la lista di tutti i codici per gli equipaggiamenti di bordo.

Nella casella a destra del backslash, bisogna inserire la lettera corrispondente all'apparato SSR (transponder) presente a bordo  

  • La lettera N se non avete il transponder a bordo o se questo non è funzionante
  • La lettera A per il transponder in modo A (4096 codici senza riporto della quota)
  • La lettera C per il transponder in modo C (Modo A + modo C; 4096 codici e riporto della quota).
  • La lettera E per il transponder modo S (trasmissione dell'dentificativo dell'aeromobile, capacità di riporto della quota e capacità "squitter" estesa (ADS-B).
  • La lettera H per il transponder modo S (trasmissione dell'dentificativo dell'aeromobile, capacità di riporto della quota e capacità di sorveglianza avanzata.
  • La lettera I per il transponder modo S (trasmissione dell'dentificativo dell'aeromobile senza capacità di riporto della quota)
  • La lettera L per il transponder modo S (trasmissione dell'dentificativo dell'aeromobile, capacità di riporto della quota, capacità "squitter" estesa (ADS-B) e capacità di sorveglianza avanzata.
  • La lettera P per il transponder modo S (con trasmissione della quota e senza trasmissione dell'dentificativo dell'aeromobile)
  • La lettera S per il transponder modo S (trasmissione della quota e dell'dentificativo dell'aeromobile)
  • La lettera X per il transponder modo S (senza trasmissione della quota e dell'dentificativo dell'aeromobile)

Ad una delle lettere di cui sopra, deve seguire uno o più gruppi di codici alfanumerici tra quelli riportati sotto:

  • B1 ADS-B con capacità ADS-B in uscita con frequenza 1090 MHz dedicata
  • B2 ADS-B con capacità ADS-B in uscita e in entrata con frequenza 1090 MHz dedicata
  • U1 ADS-B con capacità ADS-B in uscita con uso del "UAT"
  • U2 ADS-B con capacità ADS-B in uscita e in entrata con uso del "UAT"
  • V1 ADS-B con capacità ADS-B in uscita con uso del "VDL" in modo 4
  • V2 ADS-B con capacità ADS-B in uscita e in entrata con uso del "VDL" in modo 4
  • D1 ADS-C con capacità FANS 1/A
  • G1 ADS-C con capacità ATN

Anche qui, cliccando sul pulsantino con i 3 puntini a destra della casella vi comparirà una finestra con la lista di tutti i codici per il tipo di trasponder.

 

Campo 13 - Aerodromo di partenza

 

Inserire il codice ICAO identificativo dell'aeroporto di partenza ( Esempio LIMF per Torino Caselle, LIMC per Milano Malpensa)

Nel caso l'aeroporto non sia dotato di codice ICAO (ad esempio un aviosuperfice o un campo volo) si inserisce ZZZZ e nel campo 18 del piano di volo (altre informazioni) si mette il nome esteso dell'aeroporto preceduto da DEP/. Se l'aeroporto non è in AIP, indicare LAT/LONG oppure BRG/DIST dal punto significativo piu vicino.

Departure time

Inserire l'orario di partenza stimato in orario UTC espresso nel formato hhmm  ( Ad esempio 1345 per le 13:45, 0420 per le 4:20 )

Nota: come orario di partenza s'intende l'orario stimato al quale si è pronti per la spinta o se non si necessita di spinta, al quale si è pronti per accendere i motori.

 

Campo 15 - Velocità di crociera

Inserire la velocità di crociera che s'intende mantenere al primo livello compilato nella voce successiva. La velocità va indicata come TAS (True Airspeed) e mai come velocità indicata (IAS) o come ground speed (GS). Nella prima parte del campo si mette l'unità di misura costituita da una lettera e nella seconda parte la velocità espressa con 3 o 4 cifre

  • La lettera K per chilometri orari (Km/h) seguita dal valore (4 cifre) ad esempio 0830 per indicare 830 Km/h (usato ad esempio in Russia e Cina)
  • La lettera N per nodi (Knots) seguita dal valore (4 cifre) ad esempio 0450 per indicare 450 nodi
  • La lettera M per il numero di Mach seguita dal valore  (3 cifre) arrotondato al centesimo di unità, ad esempio 078 per indicare Mach 0.78

 

Livello

 

Inserire la quota che s'intende mantenere al primo livello compilato nella voce successiva espressa come livello di volo o altitudine. Nella prima parte del campo s'inserisce una lettera indicante se la quota è espressa come livello di volo o altitudine e se in metri o in piedi, nella seconda parte il valore espresso con 3 o 4 cifre:

  • La lettera F per indicare un livello di volo espresso in piedi seguita dal valore (3 cifre) ad esempio 090 per indicare il livello di volo 90, 350 per livello di volo 350 
  • La lettera A per indicare un' altitudine espressa in centinaia di piedi seguita dal valore (3 cifre) ad esempio 015 per indicare 1500 piedi, 100 per indicare 10000 piedi
  • La lettera S per indicare un livello di volo espresso in metri seguita dal valore (4 cifre) ad esempio 1130 per indicare il livello 1130 (11.300 metri)
  • La lettera M per indicare un' altitudine espressa in decine di metri seguita dal valore (4 cifre) ad esempio 0800 per indicare 8000 metri, 0050 per indicare 500 metri etc.
  • Le lettere VFR per un volo VFR per il quale non è stata pianificata una specifica altitudine. ( Non è possibile scrivere nessun numero con questa scelta)

 

ROTTA

Per voli lungo rotte ATS stabilite il primo punto generalmente corrisponde al punto finale di una SID (Standard Instrumental Departure) o di un TSE (Transition Segment to Enroute),  seguito dall'aerovia su cui ci immette. Successivamente vanno inseriti tutti i punti in cui c'è un cambio di aerovia, di velocità, di quota o di regole del volo. L'ultimo punto solitamente corrisponde al punto iniziale di una STAR (Standard Instrument Terminal Arrival Procedure). Da notare che se una SID è indicata come "ATC discretion" (sulle carte) il suo ultimo punto NON può essere inserito come primo punto del piano di volo, lo stesso dicasi per le STAR "ATC discretion" il cui primo punto NON può essere inserito come punto finale della rotta.

Esempio di rotta da Torino Caselle (LIMF) a Napoli Capodochino (LIRN): LAGEN UL50 ELB UM729 PNZ

Quando è necessario indicare un cambio di velocità e/o livello lungo la rotta, il punto dove il cambio è pianificato va seguito da un backslash "/" con l'indicazione del nuovo livello e velocità. Ogni cambio di livello va accompagnato da una modifica della velocità ed una modifica della velocità dal corrispondente cambio di livello. Il punto dove è stato pianificato il cambio può essere una radioassistenza (VOR o NDB), un fix, una radiale/distanza da una radio assistenza o un punto identificato tramite coordinate geografiche:

Esempi: 

  • CLS/N0450F330
  • VIE/N0250A040
  • MALUG/M083F370
  • 46N078W/K0832S1160
  • TOP180040/K0200M0050  (il cambio è a 40nm dal vor TOP radiale 180)

Per voli al di fuori di rotte ATS stabilite (ad esempio voli oceanici al di fuori delle NAT) vanno inseriti punti distanti non più di 30 minuti di volo o più di 200nm, riportando sempre eventuali punti in cui è stato pianificato un cambio di livello e/o velocità:

Esempio:  UN601 AKIVO UP60 ATSIX/M084F340 DCT 63N020W 65N030W 66N040W 66N050W 65N060W DCT NALDI (parte della rotta tra EGLL e KLAX)

Per voli VFR solitamente si indicano i comuni punti di riporto (VRP, Visual Reporting Points), riferimenti visivi o altro scritti per esteso.

(Esempio: VOLPIANO CHIVASSO COLLEGNO)

 

Campo 16 - Aerodromo di destinazione

 

Inserire il codice ICAO identificativo dell'aeroporto di arrivo (Esempio LIRF per Roma Fiumicino, LIMC per Milano Malpensa)

Nel caso l'aeroporto non sia dotato di codice ICAO (ad esempio un aviosuperfice o un campo volo) si inserisce ZZZZ e nel campo 18 del piano di volo (other information) si mette il nome esteso dell'aeroporto preceduto da DEST/. Se l'aeroporto non è in AIP, indicare LAT/LONG oppure BRG/DIST dal punto significativo piu vicino.

Tempo di volo stimato (Total EET)

Inserire il tempo stimato di volo (Estimated Elapsed Time) espresso nel formato hhmm inteso come il tempo totale calcolato tra il decollo e l'ora stimata di arrivo sullo IAF (per i VFR è il tempo tra il decollo e l'arrivo sull'aerodromo di destinazione), ad esempio 0245 per indicare 2 ore e 45 minuti

 

Aerodromo alternato

Inserire il codice ICAO identificativo dell'aeroporto alternato (Esempio LIRF per Roma Fiumicino, LIMC per Milano Malpensa)

Nel caso l'aeroporto non sia dotato di codice ICAO (ad esempio un aviosuperfice o un campo volo) si inserisce ZZZZ e nel campo 18 del piano di volo (other information) si mette il nome esteso dell'aeroporto preceduto da ALTN/. Se l'aeroporto non è in AIP, indicare LAT/LONG oppure BRG/DIST dal punto significativo piu vicino.

 

Campo 18 - Altre informazioni

Inserire tutte le informazioni che potrebbero essere utili al servizio di controllo del traffico per la gestione del volo e non indicate nei campi precedenti:oltre a DEP/DEST/ALTN/ già visti in precedenza, ecco le informazioni che si possono trovare in questo campo. L'ordine dell'elenco sottostante è obbligatorio 

  • STS/ Motivazioni che indicano una gestione particolare dell'aeromobile da parte dell'ATC (sono ammessi solo specifici acronimi, da una lista di 13 approvati)
  • PBN/ Capacità RNAV e/o RNP (ogni codice comprende 1 lettera ed 1carattere numerico, con un massimo di 8 consentiti, da una lista di 24 approvati)
  • NAV/ Equipaggiamenti NAV significativi (diversi da quelli indicati in PBN/
  • COM/ Applicazioni o capacità di comunicazione non indicati in 10a
  • DAT/ Capacità dati non indicate in 10a
  • SUR/ Equipaggiamenti/capacità di sorveglianza non specificati nel campo 10b
  • DEP/ Nome e posizione dell'aeroporto di partenza (quando indicato ZZZZ nel campo 13). Se l'aeroporto non è in AIP, indicare LAT/LONG oppure BRG/DIST dal punto significativo piu vicino.
  • DEST/ Nome e posizione dell'aeroporto di destinazione (quando indicato ZZZZ nel campo 16). Se l'aeroporto non è in AIP, indicare LAT/LONG oppure BRG/DIST dal punto significativo piu vicino.
  • DOF/ Data del volo espressa nel formato aammgg ad esempio 130105 per il 5 Gennaio 2013. (Fino ad un massimo di 120 ore prima del volo)
  • REG/ identificazione dell'aeromobile se non già indicata nel campo 7.
  • EET/ punti significativi, ad esempio punti in cui avviene un cambio nelle regole del volo, confini di FIRs con l'indicazione del tempo trascorso dalla partenza espresso nel formato hhmm
  • SEL/ SELCAL Code per aeromobili equipaggiati
  • TYP/ Tipo(i) di aeromobile(i) preceduti se necessario senza spazi dal(i) numero(i) se è stato indicato ZZZZ nel campo 9
  • CODE/ ARCADDR/ aircraft address 24bit SSR Mode S (Non usare l'acronimo CODE poichè non riconosciuto nel formato ADEXP, ma ARCADDR/) 
  • DLE/ Ritardo in rotta. Indicare il punto dove il ritardo è pianificato seguito dalla durata nel formato hhmm 
  • OPR/ Codice ICAO o nome dell'operatore dell'aeromobile, se differente dall'indicazione del campo 7.
  • ORGN/ Indirizzo AFTN (8 lettere), quando non identificabile correttamente 
  • PER/ Dati sulle prestazioni dell'aeromobile inidcati da una singola lettera come da PANS OPS Doc 8168 se richiesto dall'ente ATS
  • ALTN/ Nome degli aeroporti alternati. Se l'aeroporto non è in AIP, indicare LAT/LONG oppure BRG/DIST dal punto significativo piu vicino.
  • RALT/ Nome degli aeroporti alternati lungo la rotta. Se l'aeroporto non è in AIP, indicare LAT/LONG oppure BRG/DIST dal punto significativo piu vicino.
  • TALT/ Nome degli aeroporti alternati al decollo, per esempio il piu vicino aeroporto dove atterrare in caso di problemi alla partenza. Se l'aeroporto non è in AIP, indicare LAT/LONG oppure BRG/DIST dal punto significativo piu vicino.
  • RIF/ Ri-autorizzazione in volo 
  • RMK/ Remark 

Elenco delle sigle che è possibile trovare riguardanti il primo punto di cui sopra (nessun'altra ammessa)

STS/

  • STS/ALTRV Altitudine riservata
  • STS/ATFMX Approvata esenzione dalle restrizioni ATFM (Air Traffic Flow Management).(***)
  • STS/FFR Volo per spegnimento incendi (***)
  • STS/FLTCK Volo di controllo per calibrazione di radioassistenze
  • STS/HAZMAT Volo per trasporto di materiale pericoloso
  • STS/HEAD Volo con Capo di Stato a bordo (***)
  • STS/HOSP Voli con persone malate o ferite a bordo che necessitano di assistenza medica immediata o per raggiungere persone malate o ferite che necessitano di assistenza e cure mediche immediate.  Sono compresi sia i voli per il trasporto di pazienti per interventi di trapianto d'organi, di organi da trapiantare, di sangue e medicine,  e voli per prelevare pazienti  per interventi di trapianto d'organi,  organi da trapiantare,  sangue e medicine.
  • STS/HUM Voli per ragioni umanitarie
  • STS/MARSA L'autorità militare si assume la responsabilità della separazione dei velivoli militari.
  • STS/MEDEVAC Evacuazione per emergenza medica. (***)
  • STS/NONRVSM Aeromobile senza capcità per lo spazio aereo RVSM che intende operare nello spazio aereo RVSM
  • STS/SAR Voli impegnati in operazioni di ricerca e soccorso (***)
  • STS/STATE Voli governativi

(***) Comporta un' automatica esenzione dalle restrizioni ATFM (Air Traffic Flow Management)

 Elenco delle sigle che è possibile trovare riguardanti il secondo punto di cui sopra (nessun'altra ammessa)

PBN/

  • PBN/A1 RNAV 10 (RNP 10)
  • PBN/B1 RNAV 5 tutti i sensori permessi  ---> Obbligatori in 10a:  DME:D   VOR: O o S   GNSS:G   INERTIAL:I
  • PBN/B2 RNAV 5 GNSS ---------------------------> Obbligatori in 10a:  GNSS:G
  • PBN/B3 RNAV 5 DME/DME ----------------------> Obbligatori in 10a:  DME:D
  • PBN/B4 RNAV 5 VOR/DME ----------------------> Obbligatori in 10a:  DME:D   VOR: O o S
  • PBN/B5 RNAV 5 INS o IRS ----------------------> Obbligatori in 10a:  INERTIAL: I
  • PBN/B6 RNAV 5 LORAN C
  • PBN/C1 RNAV 2 tutti i sensori permessi --->  Obbligatori in 10a:  DME:D   GNSS:G   INERTIAL:I
  • PBN/C2 RNAV 2 GNSS -------------------------->  Obbligatori in 10a:  GNSS:G
  • PBN/C3 RNAV 2 DME/DME --------------------->  Obbligatori in 10a:  DME:D
  • PBN/C4 RNAV 2 DME/DME/IRU --------------->  Obbligatori in 10a:  DME:D   INERTIAL:I
  • PBN/D1 RNAV 1 tutti i sensori permessi --->  Obbligatori in 10a:  DME:D   GNSS:G   INERTIAL:I
  • PBN/D2 RNAV 1 GNSS -------------------------->  Obbligatori in 10a:  GNSS:G
  • PBN/D3 RNAV 1 DME/DME --------------------->  Obbligatori in 10a:  DME:D
  • PBN/D4 RNAV 1 DME/DME/IRU --------------->  Obbligatori in 10a:  DME:D   INERTIAL:I
  • PBN/L1 RNP 4
  • PBN/O1 Basic RNP 1 tutti i sensori permessi --->  Obbligatori in 10a:  DME:D   GNSS:G   INERTIAL:I
  • PBN/O2 Basic RNP 1 GNSS -------------------------->  Obbligatori in 10a:  GNSS:G
  • PBN/O3 Basic RNP 1 DME/DME --------------------->  Obbligatori in 10a:  DME:D
  • PBN/O4 Basic RNP 1 DME/DME/IRU --------------->  Obbligatori in 10a:  DME:D   INERTIAL:I
  • PBN/S1 RNP APCH
  • PBN/S2 RNP APCH con BARO-VNAV
  • PBN/T1 RNP AR APCH con RF  (richiede una speciale autorizzazione)
  • PBN/T2 RNP AR APCH senza RF  (richiede una speciale autorizzazione)

 

Campo 19 - Informazioni supplementari

 

Endurance

 Inserire l'autonomia totale dell'aeromobile per il volo pianificato espressa in ore e minuti nel formato hhmm, ad esempio 0315 per indicare 3 ore e 15 minuti di autonomia. Va ricordato che per calcolare il carburante da imbarcare per un volo vanno presi in considerazione non solo il carburante necessario per la tratta, ma anche il carburante per il rullaggio, il carburante per raggiungere l'alternato, il contingency fuel e la riserva.

 

Person On Board

Inserire il numero totale delle persone a bordo (passeggeri + equipaggio). Se al momento della compilazione il numero non è ancora noto si inserisce la dicitura TBN (To Be Notified)

 

Pilot In Command

Inserite il vostro nome e cognome (come vi siete registrati su IVAO)

 

Aircraft Color and marking (MTL)

Inserire il tipo di aeromobile (se presente uguale a quello indicato nel campo 9, type of aircraft) con la relativa livrea. Quello che selezionate qui sarà come gli altri piloti connessi al network vi vedranno. Se l'aeromobile che state utilizzando non è presente, sceglietene uno simile.