Main menu
Circuiti di traffico Jet - Overhead pattern

I circuiti jet sono definiti per quegli aerodromi dove c'è la necessità operativa di condurre tale manovra. Hanno una natura prettamente militare (nello scopo) e servono essenzialmente a far arrivare l’aeroplano sull’aeroporto con una velocità elevata e atterrare nel più breve tempo possibile esponendo di fatto l’aereo a possibili attacchi esterni per il minor tempo possibile. Il circuito deve essere effettuato in VFR e l’eventuale piano di volo IFR del traffico in arrivo è cancellato al raggiungimento del punto Iniziale (non serve chiedere espressamente la cancellazione come per i velivoli civili, è implicito nella richiesta di effettuazione del circuito jet). L’esistenza di un circuito jet non elimina la possibilità di richiedere al traffico in arrivo di conformarsi al circuito convenzionale (circuito rettangolare) quando motivi di traffico impediscano l’autorizzazione ad effettuare un circuito jet. Affinché possa essere effettuato un circuito jet le condizioni sull’aerodromo, così come riportate nel bollettino meteorologico in vigore, devono essere pari o superiori alle VMC previste per la classe di spazio aereo in cui si trova l’aerodromo stesso. Resta salva la possibilità di effettuare il circuito jet in VFR Speciale se le condizioni meteo lo consentono ed è stata ottenuta l’autorizzazione.

1. Iniziale (Initial Point) - Vengono fornite le informazioni di traffico, e le eventuali istruzioni per l’apertura.
2. Apertura (Break Point) - Vengono aggiornate le informazioni di traffico e fornito il numero all’atterraggio.
3. Base (Base) - Viene data, se possibile, l’autorizzazione all’atterraggio o altra istruzione

A meno che sia diversamente specificato nella documentazione relativa ad ogni aeroporto, l’iniziale è posizionato a 3 NM sul prolungamento del finale della pista in uso e tutte le virate nel circuito jet devono essere effettuate a sinistra (circuito sinistro). Nell’eventualità in cui sia prescritto un circuito non standard, ossia con iniziale in posizione diversa oppure con virate a destra, il controllore d’aerodromo, nell’autorizzare l’ingresso nel circuito di traffico, dovrà specificare la posizione dell’iniziale rispetto all’inizio della pista, il senso dell’apertura (nel caso di apertura a destra) e/o il livello a cui effettuare il circuito. Queste informazioni, anche se riportate nella documentazione relativa all’ aeroporto, devono essere trasmesse al pilota se questi dimostra non familiarità con l’aerodromo o le richiede espressamente. Qualora necessario al fine di meglio gestire il traffico d’aerodromo, il controllore di torre può istruire gli aeromobili nel circuito jet ad eseguire delle manovre specifiche quali ritardare l’apertura o estendere il tratto sottovento del circuito A causa della bassa velocità di atterraggio in finale, laddove necessario ritardare l’aeromobile a seguito di fattori contingenti (ad esempio, la pista ancora occupata), è preferibile istruire l’aeromobile stesso ad eseguire una riattaccata inserendosi nuovamente nel circuito di traffico, sempre considerando tutto l’altro traffico sulla pista o nei circuiti.

FRASEOLOGIA INGLESE
PILOT                                                                                                                                                                         ATC
Request initial point RWY 36
[IFR cancelled at 05], Join Initial Point RWY 36 [wind 320° 7kt, QNH 1013], [Traffic Information], Report Initial
Initial (o Initial Point)
[Traffic Information] Report Break
On the Break
Number 1,[Traffic Information],Report Base with checks, gear down and locked and intentions (a meno che non siano già state dichiarate prima).

Base, checks completed, gear down and locked, full stop

Base, checks completed, gear down and locked, low pass then  (altra richista)

Base, checks completed, gear down and locked, low approach and close 2

Base, checks completed, gear down and locked, touch and go and close

RWY 36 Cleared to land, Wind 340° 8kt [se possibile altrimenti Continue (motivi), report final...]

RWY 36 Cleared Low Pass, Wind 340°  8kt, after Low pass (istruzioni)

RWY 36 Cleared low approach, Wind 340° 8kt, Stand by for close (e quando possibile “close approved”)

Cleared Touch And Go and Close RWY 36 Wind 340° 8kt

 

FRASEOLOGIA ITALIANA

PILOTA                                                                                                                                                                      ATC

Richiediamo Iniziale pista 36
[IFR cancellato ai 05], Inseritevi all'iniziale pista 36 [vento 320° 7kt, QNH 1013], [Info di traffico], Riporti l'iniziale
All'iniziale (o al punto iniziale)
[Info di traffico] Riporti l'apertura
All'apertura
Numero 1,[Info di traffico],Reporti base con i controlli effettuati, carrello giù e bloccato ed intenzioni (a meno che non siano già state dichiarate prima).

Base, controlli effettuati, carrello giù e bloccato, full stop

Base, controlli effettuati, carrello giù e bloccato, basso passaggio poi (altra richista)

Base, controlli effettuati, carrello giù e bloccato, basso avvicinamento e stretto 2

Base, controlli effettuati, carrello giù e bloccato, tocca e via e stretto

Pista 36, Autorizzato all'atterraggio, Vento 340° 8kt [se possibile, altrimenti Continui (motivi), reporti in finale...]

Pista 36, Autorizzato al basso passaggio, Vento 340° 8kt, dopo il basso passaggio (istruzioni)

Pista 36, Autorizzato al basso avvicinamento, Vento 340° 8kt, Stand by for close (e quando possibile “Stretto approvato”)

Pista 36, Autorizzato al tocca e vai e stretto, Vento 340° 8kt

 

Note
Ai velivoli Jet militari che effettuano un circuito jet i controllori devono ricordare al pilota di controllare il carrello giù e bloccato se questo non sia stato riportato prima dell’autorizzazione all’atterraggio. Se il pilota decide di effettuare un Basso passaggio con il carrello su deve comunicarlo prima della Base o al riporto in Base con l’espressione “gear up, intentional” o “carrello su, intenzionale”
La manovra denominata “Close” (in italiano “stretto”) non è altro che una virata stretta per rientrare repentinamente nel sottovento del circuito jet. Normalmente se ci sono altri velivoli in circuito lo stretto si approva quando il velivolo è ALMENO al traverso di quello in circuito.